Appunti,  Scozia

Scotland, parte tre.

Cose che ho imparato parte tre:
– l’olio di Argan ripara le punte ma unge i capelli, non c’entra niente ma l’ho imparato. Quando stai per un po’ fuori casa e parli solo inglese, male, sentire l’accento terrone e un “cazzo Mauro hai rotto i coglioni muoviti” per la strada ti commuove. Non tutti gli autisti sono carini e simpatici, scusa se non so come funzionano i biglietgne-gne! “ecco a lei 7 sterline e stocAZZZOOAah-ah-ah”. Tanto non le capisce le parolacce in italiano… – Sorridi!
Edimburgo è meravigliosa però non hanno i cucchiaini, qui nei bar ti danno la tazza di cappuccino senza. Come cazzo fanno? Ho passato tre giorni a guardare i cristalli di zucchero non sciolti nella tazza, poi ho scoperto, spiando insistentemente un signore che mi guardava intimorito, manco stesse commettendo un furto, che hanno tavolini a parte: tipo self-service, per palettine, salse et simili… E io che interpretavo il futuro nei fondi dello zucchero di canna… Potevo chiedere sì, ma non sapevo come si dicesse cucchiaino in inglese. Non so perché la parola “forno” in inglese non riesco a ricordarla. Non chiedetemela rispondo “aspirapolvere”. La Royal Mile è colma di artisti di strada. Ci sono gabbiani ovunque. Ho pagato più di francobolli internazionali che di panino con l’hambuger. Dal barbiere del paese c’è sempre qualche pezzo di gnocco da vedere, che fanno li mettono in vetrina?!? Ho assistito ad un matrimonio Scozzo-Spagnolo al castello, erano in Kilt… E c’era vento… No! Non sono ancora riuscita a scoprire se è un mito la storia del “senza mutande”. Pensavo di essere scema solo io ad uscire con le converse e la pioggia ma qua c’è gente in ballerine con il diluvio… Cose che non ho imparato:
“Ho messo la parmigiana nell’aspirapolvere.” .
.
#oven #brevestorietristi #edinburgh #seagals #cazzomauro #hoover #castle #fondidelcaffe #italianeverywhere #stocazzo

Seagulls, Edimburgh Castle. 2017. ©Miriam Oufatah

Miriam, venticinqueanni e un lavoro da cameriera. Leggo, scrivo, disegno e racconto storie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *